Carrello

0 item - 0,00

Ultime Notizie dal Blog

60° Anniversario dei trattati di Roma

0 Comment

In occasione delle celebrazioni per il 60° anniversario dei Trattati di Roma, l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” è impegnato in una inten

Premio Nazionale Diritti Umani “Maria Rita Saulle” per tesi di dottorato – IX Edizione 2017

0 Comment

L’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”, allo scopo di promuovere e incoraggiare gli studi nelle disci­pline economiche, giuridiche

Santa Sede: l’elezione della massima carica. Il conclave del 2005

0 Comment

Si vuole qui affrontare un case study unico nelle dinamiche internazionali: il papato. Il pontefice, che non può essere ridotto a mero monarca di u

Calendario Eventi
Il Bookstore
15,00

DEMOCRAZIA,ECONOMIA E POLITICA ESTERA NELL’UNIONE EUROPEA   Sessant’anni dopo: per un nuovo inizio – di Antonio Iodice Circa un anno e mezzo fa, in altra sede, proponemmo alcune

Read More
40,00

La dignità umana è ormai al centro di numerose riflessioni dottrinali ed è invocata sempre più frequentemente nei documenti internazionali e nelle pronunce giurisprudenziali. Lo studio analizza il

Read More
35,00

L’inizio del terzo millennio consegna agli Stati la necessità di definire nuove forme di strutturazione delle attività dei poteri pubblici, sia nelle forme gestionali, sia nelle funzioni regol

Read More
20,00

In questo volume sono raccolti gli scritti frutto della ricerca effettuata nell’ambito del Progetto: Ontologia Formale e Ontologie: uno Strumento per il Dialogo Interdisciplinare e Interculturale.

Read More
18,00

Questo volume nasce da un progetto di ricerca, promosso nell’a.a. 2011-2012 dall’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” e si propone di offrire – nei suoi limiti – un’analisi dell’es

Read More
10,00

L’aumento del numero di separazioni e divorzi ha portato sempre più clinici e ricercatori a focalizzarsi sulle modalità con le quali le famiglie ristrutturano ruoli e funzioni in vista del ragg

Read More
12,00

Questa ricerca rappresenta uno strumento di confronto comparato tra Roma, Londra, Parigi, Madrid, e Atene nella gestione dei servizi pubblici locali. Tra queste l’unica a non avere un ordinamento g

Read More
10,00

Il presente lavoro di ricerca si propone di offrire un contributo alla ridefinizione dello status morale del minore da un punto di vista bioetico. La riflessione bioetica attuale, per quanto l’in

Read More
10,00

I materiali pubblicati in questo volume rappresentano l’esito del progetto Monitoring the Arab World: Civil Society, Human Rights, Non-Mainstream Information, realizzato grazie alla feconda colla

Read More
10,00

L’idea di questo volume è sorta in seguito ai numerosi dibattiti e seminari svolti presso l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” di Roma. Il volume è costituito da una raccolta di nuovi s

Read More
15,00

La ricerca che Giuseppe Preziosi ha completato è parsa all’Istituto “S. Pio V”, che ne ha promosso la pubblicazione per ricordare quel grande evento che fu la prima guerra mondiale a un secolo

Read More
20,00

La presente indagine fa seguito a un progetto di ricerca che è stato condotto per studiare, analizzare e mappare fasi, percorsi e modalità della comunicazione online dei sindaci capoluogo di provi

Read More
15,00

  La dignità umana è ormai al centro di numerose riflessioni dottrinali ed è invocata sempre più frequentemente nei documenti internazionali e nelle pronunce giurisprudenziali. Lo studio anal

Read More
15,00

L’inadeguatezza complessiva della classe dirigente appare sempre più come il problema del nostro Paese che, per strane coincidenze storiche, non si rivela secondo a nessuno quanto a primigenie r

Read More
12,00

Con Armida Barelli, una donna tra due secoli, l’Istituto di Studi politici “S. Pio V” di Roma intende offrire una riflessione sintetica su una protagonista indiscussa della storia del nostro 

Read More
15,00

Il presente lavoro, che ha alla base una ricerca elaborata nel 2014 per l’Istituto di Studi Politici “San Pio V” di Roma, si propone di ricostituire la storia di lungo periodo della Bosnia, pa

Read More
13,00

Il rapporto SVIMEZ sull’Economia del Mezzogiorno ci ha consegnato un quadro particolarmente preoccupante, sotto il profilo economico e sociale, di questo territorio. Non è in assoluto una novità

Read More
34,00

Da sempre al centro dell’attenzione della storiografia e della pubblicistica anglosassoni che hanno prodotto pregevoli lavori in materia, gli Stati monarchici del Golfo Persico, ad eccezione dell’

Read More
35,00

Il volume presenta una puntuale narrazione d’insieme delle intense relazioni bilaterali fra l’Italia e i Paesi arabi del Mediterraneo nei venti anni compresi fra la caduta del “Muro” e l’ele

Read More
15,00

I meriti di questo contributo sono diversi e riguardano il piano della riflessività sociologica, quello della declinazione normativa (legislativa ma anche contrattuale) e quello empirico-esperienzial

Read More
18,00

Sotto il “livello di rimpiazzo generazionale” dal 1978, l’Italia ha toccato il livello di fecondità più basso (1,19 figli per donna) nel 1995 risalendo nel 2014 a 1,39. Cifre che ci parlano di

Read More
15,00

L’inadeguatezza complessiva della classe dirigente appare sempre più come il problema del nostro Paese che, per strane coincidenze storiche, non si rivela secondo a nessuno quanto a primigenie rifl

Read More
25,00

Il volume è costituito da una raccolta di nuovi saggi, ciascuno dei quali affidato a un illustre e influente studioso, il cui insieme segna un ulteriore passo per una

Read More
Shadow

Ontologia formale

In questo volume sono raccolti gli scritti frutto della ricerca effettuata nell’ambito del Proget

20,00
Sessant'anni dopo: per un nuovo inizio - di Antonio Iodice
Circa un anno e mezzo fa, in altra sede, proponemmo alcune riflessioni sulle tappe attuali del percorso europeo, in una sorta di anticipazione delle tematiche compiutamente sviluppate nel presente volume. Osservando a ritroso quel lavoro, non possiamo fare a meno di notare come i motivi di preoccupazione, rispetto allo status quo continentale, fossero fondati: se Germania e Francia ancora riescono (ma per quanto?) ad arginare le spinte populiste, la Brexit britannica ha rappresentato un “colpo a tradimento” per l’Unione Europea e anche la sconfitta referendaria del governo Renzi, in Italia, è stata letta come un severo messaggio a Bruxelles. Né la crisi economica – che pare ormai strutturale, più che congiunturale – aiuta a pensare ad auspici migliori, rinfocolando, di contro, i velenosi suggerimenti di coloro che giudicano l’Euro come l’origine di ogni disgrazia. Il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma fornisce l’occasione per un sereno e ponderato giudizio sullo stato di salute dell’Unione, partendo inevitabilmente proprio da quella stagione – per molti versi irripetibile – che produsse gli accordi siglati nel nostro Paese e che spesso viene riecheggiata, con un ricordo che progressivamente sembra cedere il passo al rimpianto. Era un’epoca molto diversa rispetto a quella attuale, sotto una molteplicità di punti di vista: si prenda il profilo delle relazioni internazionali,che nel 1957 erano ingessate nel rigidissimo sistema bipolare imperniato sul potere assoluto e virtualmente incontrastato delle due superpotenze – Usa e Urss – in grado di condizionare direttamente o indirettamente le scelte e i comportamenti dei vari Paesi europei allineati nei rispettivi Blocchi. Pari diversità, rispetto ai giorni nostri, era riscontrabile nella percezione, da parte sia dei governanti sia dei governati, del significato profondo dell’originario progetto di integrazione europea, inteso tanto come speranza di crescita e di sviluppo economico, quanto – soprattutto – come consapevole e progressivo impegno politico e culturale per la realizzazione di un’Europa unita, fondata su libertà, pace, solidarietà, giustizia e diritti umani, senza alcuna discriminazione o prevaricazione. Si trattava di un sogno già balenato alla fine della I Guerra Mondiale, fondato sulle comuni radici dell’umanesimo, del pensiero ...